Poesie

Bianco

Di notte, dal prato di fronte a casa sua si poteva vedere Ruggisce Risuona Ripete Un grigiore smagliante tra le dita. Vorrei una guerra, Ma sulla schiena Mi hai lasciato solo

Me soleggia la faccia

Non dormo mai, E quando dormo sogno… Praticamente vivo 24 ore de giorno… Che si sta vita nun te stressa, Te stressi da solo… Chiuso in un pensiero, Fori dal lavoro…

E sò Coscienza

Me svejo, si mai m’addormo, da npò d’anni, che quarcuno me conosce, sa chi so’, pure se poco! Me saluta, me fa ncenno co’ la mano, me scongiura de aiutallo

Battesimo d’Estate

Un’impronta sulla sabbia, fugace del vento, o del mare Si confonde con la mia, che sente la brace. Sotto di me, Il calore dai granelli traspare Sopra di me, il sole inventa l’estate.

Dietro lo Specchio

Se può una foglia, illuminare un sentiero, come può deprimersi un uomo, di vita e tempo ancora pieno? Muove i piedi, ma non cammina. Non sa stringere i pugni, solo le dita.

Il Primo Attimo

Mi sveglio, tranquillo, perché so che ci sei. Esco di casa, tranquillo, perché so che c’eri. Torno a casa, tranquillo, perché so che ci sarai. Prima per accompagnarmi, poi per spronarmi.

Il suono del tuo sguardo

I tuoi occhi, su di me, fanno effetto. Luminosi e profondi, calamite roventi per i miei. Nulla potrebbe mai spegnere la scintilla Generata dal loro incontro. Ogni volta, cado, al loro interno, rapito.