Sugaring: non si parla di dolci

Pasqua 2020.

Mattina.

Notifica “Posta in arrivo”. Apro Gmail. Non sono auguri.

Lo scenario a primo impatto è abbastanza inquietante, ma decido di sfruttare l’ambigua circostanza per soddisfare la curiosità e capire più da vicino cosa sia lo sugar dating. Sto al gioco, facendo finta di essere interessata alla proposta.

L’atmosfera discreta e formale si trasforma subito appena mostro il mio interesse, e cuori e “ bunny” compaiono in chat.

Dopo la proposta di $1500 settimanali capisco che è giunto il momento di svelare il mio reale intento all’interlocutore e iniziare la ricerca.

Lo sugar dating spopola dal 2015 in diversi Paesi, tra cui America, Canada, Inghilterra, Australia e Colombia , e sta prendendo ora piede anche in Italia. La sugar baby forse più amata del grande schermo è stata Holly, la protagonista di Colazione da Tiffany.

Di cosa si tratta?

Per i non esperti, “sugaring” significa avere appuntamenti in cui un partner sostiene finanziariamente l’altro. Affetto, compagnia e attenzioni sono ricambiati da lusso, assegni pieni di zero, viaggi in mete esotiche, cene di gala ed altri sfizi che solo uno stile di vita privilegiato può accontentare: il tutto totalmente gratuito. Sono più che giustificate le facce perplesse: la risposta è no, non si tratta di prostituzione perché include almeno formalmente solo “compagnia” , senza alcuna attività sessuale, né di escorting, pratica nella quale l’incontro è solamente occasionale.

Se però la signorina Golightly interpretata dalla Hepburn e tutte le babies degli anni ‘60 si accontentavano di cene e pellicce, lo sugar dating 2.0 ha assunto un volto più imprenditoriale. Le Holly della nostra epoca utilizzano molto spesso i compensi economici per accedere ad un liveo superiore di istruzione: “Sono per la maggior parte studentesse in college, che come tutti i coetanei faticano a pagare le tasse universitarie, e a volte questo stile di vita sembra l’opzione più conveniente” dichiara V, studentessa di San Francisco, condividendo la sua personale esperienza da bambina di zucchero.

“Trovare uno sugar daddy è un modo per fare denaro facile, per pagarsi la retta universitaria o concedersi cose extra come manicure e borse costose”. Il sito più popolare per aiutare ogni sugar baby a trovare il portafogli perfetto è SeekingArrangement, fondato nel 2006 da Brandon Lee. Secondo i dati, il 44% dei visitatori sono studenti e il 36% dei “regali” sono spesi in tasse scolastiche, il 23% in affitti. Molte ragazze dichiarano nel proprio profilo una “no sex policy” (nessuna disponibilità a rapporti sessuali) e trovano uomini interessati semplicemente a ricevere attenzioni e tempo. È questo il caso di J, 22enne del Sud dellw California: “Mi ha scritto dicendomi di volermi viziare. Mi ha mandato immediatamente $350 la prima volta, e da lì ha continuato, prima ancora che ci vedessimo mai dal vivo.” La maggior parte dei daddies si mostra sorprendentemente molto gentile e rispettosa, J definisce il suo addirittura “ ingenuo e facilmente manipolabile”: sicuramente sanno come essere dei veri gentleman, o perlomeno fingersi tali. “ E’ sempre stato molto dolce con me, senza forzarmi a fare nulla, anche se, ovviamente, sperava in altro. Non c’è stato mai alcun tipo di rapporto intimo” dichiara. Spesso si sviluppa una vera e propria relazione affettiva tra daddy e baby, spiega V, “Molti vogliono qualcuno da portare a cena, con cui uscire, qualcuno che alzi la loro autostima o da mostrare in giro, come una bella macchina”.

Se per molte fortunate come J. gli incontri si rivelano tranquilli, tuttavia soggetti di vario genere si aggirano nel mondo virtuale, ed emergono vicende tutt’altro che rasserenanti. “Diverse mie amiche sono state abusate verbalmente e fisicamente dal loro sugar daddy. Bisogna cercare di capire con chi si ha a che fare, specialmente se non si viene contattate tramite un sito di incontri ” ci confessa J.

“Poiché ogni sugar baby specifica cosa cerca nel suo account, e gli sugar daddy dichiarano ciò che hanno da offrire e reddito” spiega V “siti come Seeking Arrangement o What’s Your Price consentono di trovare compromessi vantaggiosi per entrambe le parti”. Nonostante ciò, però, a volte il fenomeno rischia di diventare una forma di prostituzione con una maschera di legalità. “Mi sono iscritta al sito sotto la categoria sugar baby e un uomo mi ha subito contattato. Era un ragazzo di origini asiatiche, intorno alla quarantina, imprenditore benestante. Mi ha detto di essere molto impegnato con il lavoro e di non avere tempo per alcun tipo di svago o relazione affettiva: 8000 dollari al mese, per prestazioni sessuali due volte a settimana.” racconta V. “Non era alla ricerca di alcun tipo di rapporto oltre a quello fisico. Ha fatto richieste molto specifiche su come mi sarei dovuta presentare, addirittura sul tipo di depilazione.” Nell’aprile 2018, lo Stop Enabling Sex Traffickers Act approvato dal governo americano, propose la chiusura di molti siti di incontri di questo genere, ma nonostante le controversie, è ancora un trend in espansione.

1948 - La Costituzione sancisce la parità tra uomini e donne.

1958 - Abolita la regolamentazione della prostituzione.

1977- Proclamata l’8 marzo Giornata Internazionale della Donna.

1993- Introdotte le “quote rosa”.

Oltre settant’anni di lotte femministe, di manifestazioni e battaglie.

L’interpretazione di “parità di diritti”, tuttavia, è molto personale e soggettiva, e se da un lato sfruttare bellezza e desiderio maschile a proprio vantaggio è visto come oggettificazione del corpo, c’è chi lo ritiene una piena affermazione di libertà e indipendenza, come le nostre cortigiane del 21esimo secolo, Madame De Pompadour 2.0, che vogliose di avventura e nuove esperienze si impegnano nella ricerca del loro Luigi XV. Settant’anni mandati in fumo o una nuova forma di emancipazione?

Ad ognuno la propria risposta.

Fonti:

  1. http://anpi-lissone.over-blog.com/pages/Le_donne_e_le_conquiste_del_dopoguerra-2708469.html

  2. https://www.letstalksugar.com/news/brief-history-sugar-dating/

  3. https://en.wikipedia.org/wiki/Sugar_baby

  4. https://www.vice.com/it/article/av5mag/come-e-essere-uno-sugar-baby-maschio-928


Diderot
Diderot

Dalla volontà di impegnarsi in qualcosa di utile che prende vita Diderot, sito divulgativo libero e indipendente, che nasce dal desiderio di proporre una modalità di informazione differente, basata su ricerca, esperienza e passione di giovani che scrivono per altri giovani, per rappresentare un’alternativa ad un ambiente saturo di notizie selezionate e ragionamenti vuoti.

comments powered by Disqus