E sò Coscienza

Me svejo,

si mai m’addormo,

da npò d’anni,

che quarcuno me conosce,

sa chi so’,

pure se poco!

Me saluta,

me fa ncenno co’ la mano,

me scongiura de aiutallo

e nun m’ascorta,

allora penso:

“ma parlo piano?”

Io te strillo,

o un pò ce provo,

du milioni,

è er tempo che è passato

da quanno sto co te,

che sei diventato Homo.

Me ricordo che parlavi

de li Dèi,

dell’entità,

de na sorta de paura

de conosce la realtà!

“che sei matto! per piacere,

stamo n’mano alla follia!”

si ce penso,

te lo dico,

troppo bono…colpa mia!

Te dovevo fa der male,

mica amatte come ho fatto,

t’ho protetto da sto foco

che hai scoperto e nun lo temi,

che sia er soldo,

che sia amore,

che sia un mondo de problemi!

Co’ le streghe,

te lo giuro,

hai superato er meglio comico,

dai tempi dell’aoristo,

der concetto de canonico,

nun c’è stato meglio avviso

de sputà in faccia a n’amico,

e m’hai detto che ero un mostro,

er diavolo,

er male!

E allora co’ quer foco,

me c’hai acceso pure er mare.

Hister,

attore, dicesi,

chi prova a vedermi,

riesce sempre nell’antitesi:

me trova, nun capisce,

tu je dici che è na recita,

te sembro così bravo

da puntà sulla dialettica?

So’ puro,

solo,

nun ce penso se lo dico,

io t’appaio dentro ar sogno,

nella notte,

t’accarezzo e te pio a pizze,

beh, dipende se sei forte!

Poi n’signore,

Germanico, distinto,

ha detto: “ao, c’è lui!”

e ha giurato che m’ha visto,

non è che c’ha capito

poi troppo de chi so’,

però ha distinto er mondo,

tra chi è cieco,

e chi no!

E allora so’ comparso,

hai sbirciato,

impaurito dall’inizio,

co’ li guanti,

e sempre co quer vizio,

de da la corpa all’artri!

Però te sei rimesso,

coi denti sur cortello,

a dì che se n’conosci

nun vordì che nun è quello,

e che se da milioni d’anni,

se soffre e soride,

nun sarà pe’ le politiche,

i sordi, le classifiche,

pe’ l’emergenza sociale

o per la cattiveria

de ‘na persona sleale:

è perché nun hai pensato

da subito,

a me che sto qua dentro

e che strillo,

te comunico,

quanno n’sei distratto,

da li tempi,

da li impicci,

e che stai a nanna

accoccolato

co li demoni e i supplizi.

E’ li che me rivolgo,

stronzo, me ne accorgo,

però io so’ l’Inconscio,

er problema è…

che te conosco!


comments powered by Disqus

Correlato