Icaro

Scorre geme affoga

fra le mani del sole

la tua carne,

si muove su di te

corrode brucia divora

la sua fiamma,

respiri il tuo pianto

e bevi l’amaro ricordo

delle tue indistruttibili ali

«distrutte».

Tu piccolo uomo,

che non ti sei accontentato

di navigare tra le pallide nuvole

ma desideravi approdare

sulle spiagge di luce,

ti vorrei dire

-anche io-

per uno sguardo del sole,

lascerei sciogliere

tutta la mia cera.


comments powered by Disqus

Correlato